Unitec-Group

Rapporto sull'analisi delle caratteristiche e prestazioni del sito

Usando alcuni tool per l’analisi dei siti web, le keywords organiche stimate che portano traffico al sito web sono circa 724. Le 3 pagine che si stima generino più traffico in assoluto sono:

  • HOME PAGE 
  • LAVORA CON NOI
  • CHI SIAMO/AZIENDA

6.791/mese

633/mese

164/mese

Basandosi su questi primi dati, si nota che la Home Page riceve praticamente la a maggior parte del traffico, eppure non prevede nessun percorso di acquisto (Funnel) o invito all’azione (Call To Action, d’ora in avanti CTA).

Seguendo le procedure standard di progettazione dell’esperienza utente (User Experience, d’ora in avanti UX), quando un utente approda sulla Home Page di un sito web, dovrebbe avere a disposizione, senza dover scorrere la pagina, queste 2 cose: 

  • una breve descrizione che spieghi in pochissime parole cosa facciamo e come siamo utili per il nostri clienti;
  • una CTA.

Ovviamente, a questo punto bisogna chiedersi con quale obiettivo abbiamo sviluppato il nostro sito web e come converte o a cosa ci è utile. 

Seguendo potete notare una bozza che ho buttato giù per dare una idea visiva di cosa si potrebbe fare sfruttando i principi spiegati prima.

Impianti, macchine, tecnologie e linee innovative per la lavorazione di frutta e ortaggi.

 Il nostro obiettivo è lavorare al tuo fianco  per ottenere il massimo dell’efficienza e della qualità e contribuire al tuo successo.

Scorrendo la Home page salta subito all’occhio la sezione dei risultati e la prima impressione che si manifesta, dato che il titolo non è messo in risalto, è che sembra la sezione dedicata ai membri del team aziendale. 

Perché dico questo? Perché ci sono delle linee guida per cui è bene differenziare la sezione del team da quella delle testimonianze/risultati: 

la sezione dedicata al team avrà in evidenza la foto della persona e la mansione da lui svolta, mentre per la sezione dedicata alle testimonianze/risultati, la parte che va messa in risalto è assolutamente il contenuto, il perché questa persona ha deciso di lasciare la propria testimonianza. 

Qui sotto alcuni esempi visivi:

Seguendo sempre i principi base di UX e di digital marketing, una Home Page dovrebbe possibilmente terminare con una CTA che racchiuda, in sintesi, cosa possiamo fare per gli utenti e non con un modulo di contatto. 

Il modulo viene appositamente messo nella pagina contatti perché, prima che un utente decida di lasciare tutti i suoi dati e elaborare una richiesta specifica, dovrà farsi un’idea di ciò che possiamo fare per lui. A quel punto, una volta che le informazioni presenti avranno risposto alle sue obiezioni, la richiesta sarà giustificata dalla sicurezza della nostra competenza.

Tutto questo perché molti utenti che arrivano sulla nostra Home Page potrebbero essere utenti che provengono da traffico freddo. Utenti che, quindi, non ci conoscono abbastanza da voler compilare un modulo di contatto che richiede una certa mole di dati personali e l’elaborazione di una richiesta alquanto specifica e non banale, a differenza delle domande che potrebbero essere poste dagli utenti se si offrisse, ad esempio, un servizio di messagistica istantanea all’interno del sito web.

Struttura del sito

Effettuando una breve analisi con l’utilizzo di uno strumento che mostra la struttura di un sito web, si nota che il sito, sfruttando WPML, prevede varie versioni in diverse lingue:

  • Italiano
  • Inglese
  • Francese
  • Spagnolo 
  • Russo
  • Turco

La prima cosa che salta all’occhio è una voce di menù, che nella versioni italiana e francese rimane in inglese, mentre in spagnolo viene tradotto in: “Asistencia”.

Tranne che in spagnolo, il termine utilizzato è fuorviante perché non si capisce di cosa si tratti. Dei servizi offerti dall’azienda? Un reparto fornito in supporto? Non è chiaro, anche perché usare due lingue insieme diminuisce la possibilità di comprensione del contenuto, a meno che non istruiamo i nostri utenti all’utilizzo di questi termini, soprattutto per utenti che ancora non ci conoscono e che stanno cercando di capire cosa facciamo.

Analizzando velocemente la pagina un altra cosa che si nota è che vengono usati troppo spesso gli aggettivi nostro/a/i/e. Ripetere troppe volte parole come nostro, mio, noi, ecc., può essere controproducente e risultare autoreferenziale.

Inoltre seguendo il percorso della pagina si nota questo URL: “https://www.unitec-group.com/CHI-SIAMO/service/”

Mi domando come mai questa pagina segua la gerarchia delle pagine riguardanti il “chi siamo” ma poi non ne sia un sotto-elemento, ma soprattutto, perché utilizzare questa base nei collegamenti statici (permalink) se poi la pagina “Chi Siamo” non esiste effettivamente.

Bisogna sempre tenere conto che la struttura dei permalink di un sito web deve essere sempre coerente con la navigazione del sito stesso.

Attenzione!

prima di attivare i link e le pagine del sito web devi giocare queste due terre!

(fai clic su un’immagine per ingrandirla)